10 aprile 2017

Blogtour: LA MIGLIORE DELLE VITE di David de Juan Marcos | 3ª Tappa - I PERSONAGGI



Miei carissimi bibliofili,
oggi ospito sul blog la 3ª tappa del blogtour dedicato all'attesissimo LA MIGLIORE DELLE VITE di David de Juan Marcos.
Qualche settimana fa avevo letto in anteprima qualche estratto del romanzo e mi ero perdutamente innamorata dello stile con cui è scritto, quindi potete immaginare la mia trepidazione nell'aver potuto far parte del blog tour ad esso dedicato ! 
Prima di passare al contenuto della tappa, qualche informazione su questo bel libro.

Informazioni e trama

Titolo: LA MIGLIORE DELLE VITE
Autore: David de Juan Marcos
Editore: HarperCollins
Data di pubblicazione:  6 aprile 2017
Lingua: italiano
TRAMA: È autunno quando Nicolás arriva a Cambridge dalla Spagna, e subito avverte qualcosa di magico e inafferrabile, un legame speciale con una città che è come una tavolozza di vetro e pietra, un arcobaleno velato. Conosce Pierre per caso, una domenica mattina, mentre corre tra alberi artritici avvolti in una nebbia azzurrina. Diventano amici. Ed è proprio Pierre a presentargli Lei, una ragazza danese inquietante e bellissima, circondata da un alone di mistero che ne accresce il fascino e rende quasi impossibile starle lontano. Quello che unisce i tre giovani è un rapporto profondo e superficiale al tempo stesso, fatto di segreti svelati a metà, di speranze condivise e di ferite che tuttavia non tolgono loro l'entusiasmo e la voglia di cambiare il mondo. In un viaggio emozionale ed emozionante tra Cambridge, Roma e Amsterdam, Lei, Nico e Pierre si lasceranno e si ritroveranno, portando alla luce segreti che cambieranno la loro vita e li costringeranno a riflettere su chi sono e chi vogliono essere.

In questa terza tappa vi parlerò dei personaggi principali cioè Nico, Pierre e Lei .
Siete pronti a conoscerli?! 

NICO


Nico è protagonista e voce del romanzo, è di origine Spagnola ed ha circa vent’anni. È andato a studiare a Cambridge in fuga da una famiglia distrutta dal dramma di un figlio scomparso. Vediamo tutto attraverso i suoi occhi, attraverso quello che racconta a Lei.

«Lo sai, conosco i miei difetti e la mia scarsa empatia. Non si tratta di modestia ma di una specie di rassegnata accettazione. Agli occhi degli altri sono un animale introverso, un viso silenzioso. Magari strano per te. Non ho mai saputo se la mia diversità ti sembrava attraente. Di sicuro le regole sociali ancora mi disorientano. È davvero un problema. Difficile da spiegare. Mi mancano le abitudini senili da tartaruga che spingono uno sconosciuto ad avvicinarmi. È l’unica verità».


LEI


Lei è più giovane di Nico, figlia di un diplomatico danese. E' Misteriosa e molto attraente. Vive il presente e non le piace pensare al futuro. Nico ne è subito ossessionato. I numerosi segreti che nasconde formeranno la struttura del romanzo. Lei è chi ascolta la storia che leggiamo.

«Tutto ti ricordava qualcosa di meglio del presente. Entrambi avevamo l’età in cui compiere gli anni significa ancora diventare più giovani».

«Non avevamo niente. Né denaro né avarizia. Non volevamo essere nulla di diverso da ciò che eravamo. Io avevo tutto, per sempre. Quanto ero ingenuo, ancora non sapevo che godiamo solo di ciò di cui possiamo fare a meno. Tu no. Tu avevi un furore nomade da sconfiggere. Non ti piaceva pensare a futuri estranei al tuo. E la parola “sempre” era troppo grande per essere pronunciata, come se non passasse per la gola. Come se fosse una menzogna. E davvero non esiste menzogna più grande che dire sempre. Ma questo né tu né io lo sapevamo ancora».

«A un certo punto, non ricordo perché, Lei affermò che l’Africa era il posto più enigmatico e inspiegabile del mondo e che alcuni quadri di Francis Bacon non la facevano dormire. Nel frattempo, io scoprivo che se abbassavi la linea soave dello sternocleidomastoideo la matematica si alterava e si giungeva in territorio africano. Ti dissi che il mio padrone di casa aveva tre mogli nel Congo. Ti piacque molto la storia di Gennaro, il mistero della sua malattia e dei suoi viaggi. Mi dicesti con entusiasmo che volevi conoscerlo. Me lo immagino come Robert Redford in La mia Africa, che attraversa il Kenya con l’aeroplano giallo, aggiungesti mentre stendevi le braccia».


PIERRE


Pierre è francese, o meglio, lussemburghese. Grande amico di Nico, è decisamente carismatico, fedele e con grandi ideali. Ha bisogno di dimostrare al padre il suo valore come studente e rematore nella Oxford-Cambridge. Si porta dietro un pesante carico emotivo e sogna di andare in Africa come cooperante.

«Quell’anno il suo grande obiettivo, molto più importante degli studi – che affrontava con eleganza e senza sforzo – era entrare nella squadra di canottaggio dell’università di Cambridge. I Light Blue. Aveva messo tutto se stesso nell’allenarsi per la prossima gara contro Oxford che si sarebbe svolta in primavera. Mio padre gareggiò tre volte nella Boat Race, con la prima squadra, sai, anche come capitano, diceva spesso Pierre. Tutte le volte si è imposto a Oxford con un ampio vantaggio. Mio padre ne parla sempre, concludeva nell’unica conversazione in cui non mostrava una sicurezza ammirevole».

«Pierre Spielmann intuiva che viene ascoltato di più chi sa tacere al momento giusto. Ed era così, quando parlava tutti mettevano da parte i propri pensieri e stavano attenti. Assorti discepoli in una specie di riverenza. Ciò che diceva suscitava lunghi dibattiti che dopo un rosario di andirivieni, di pro e di contro, sfociavano nel punto iniziale: quello difeso da Pierre. Tuttavia, ho spesso pensato che fosse il suo senso dell’umorismo a renderlo indispensabile. Aveva trovate così raffinate e pungenti che la sua opinione era richiesta in qualsiasi circostanza. Anche quando non c’era.
#Accidenti, sono sicuro che sapesse come e quando stare lontano. Cosa direbbe Pierre di questo o di quello? Cosa direbbe il gran Pierre Spielmann se fosse qui?».


IL CALENDARIO

Continuate a seguirci!!

Inoltre, vi ricordo che l'autore David de Juan Marcos sarà ospite a Tempo di Libri a Milano il 20 aprile per incontrare i suoi lettori! Non perdere questa splendida occasione!! :3

 Che cosa ne pensate?
Leggerete La Migliore delle Vite?
Io lo sto già leggendo e non vedo l'ora di parlarvene!! ❤

BUONE LETTURE,

Nessun commento:

Posta un commento

Ogni commento è per me come un pizzico di polvere fatata ... Grazie! ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...